Author Topic: Asimov e le scie chimiche  (Read 22357 times)

Offline dario

  • Amministratore
  • Volpe
  • *****
  • Posts: 340
  • Karma: +1/-0
    • Informatizzati.org: Computer, Linux, Windows, VMware
Asimov e le scie chimiche
« on: 21 October 2008, 16:47:32 »
Nell'articolo Asimov e le scie chimiche abbiamo affrontato la questione ponendoci più delle domande che delle risposte...cosa ne pensi?

Maramaldo

  • Guest
Re: Asimov e le scie chimiche
« Reply #1 on: 07 November 2008, 16:31:30 »
io penso che un'occhiata qui dissiperà ogni scia ... pardon dubbio  ;D

http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273641

Offline dario

  • Amministratore
  • Volpe
  • *****
  • Posts: 340
  • Karma: +1/-0
    • Informatizzati.org: Computer, Linux, Windows, VMware
Re: Asimov e le scie chimiche
« Reply #2 on: 07 November 2008, 18:29:26 »
io penso che un'occhiata qui dissiperà ogni scia ... pardon dubbio  ;D

3w.cicap.org/new/articolo.php?id=273641

:) Già, hanno sempre il loro parere su tutto ciò che non è "standard"  ;)
In realtà in questo articolo ho preferito evitare di dare riferimenti esterni perché gli interessi in gioco potrebbero essere molto alti e purtroppo organi come il cicap o altri possono essere molto di parte.
A "confutazione" delle affermazioni del cicap avrei però dovuto postare almeno un link di qualche altro organo autorevole, rischiando però di rimbalzare tra affermazioni e smentite all'infinito.

Forse sto diventando paranoico, ma sto cercando di ritornare a vecchie abitudini, verificando di persona quando possibile; oppure, come in questo articolo, cerco di dare uno spunto di riflessione piuttosto che una opinione certa. Almeno, spero sia questo il significato che emerge!

Qualcuno un giorno, forse un emerito scienziato o ricercatore disse che (vado a memoria) se non ci sono elementi certi dell'esistenza di un certo fenomeno, non possiamo fare altro che diffidarne e restare in attesa o proseguire nella ricerca di ulteriori elementi...

Grazie mille per il tuo post e la tua segnalazione. Speriamo che si aggiungano altri pareri in merito!

Offline dario

  • Amministratore
  • Volpe
  • *****
  • Posts: 340
  • Karma: +1/-0
    • Informatizzati.org: Computer, Linux, Windows, VMware
Asimov, le scie chimiche e Montanari
« Reply #3 on: 26 January 2009, 18:28:03 »
C'è anche un illustre ricercatore, molto noto per aver segnalato l'esistenza e la presenza delle nanoparticelle sui cibi che mangiamo, Stefano Montanari, che viene spesso interrogato circa le scie chimiche.
Sembra anche lui interessato alla questione; ovviamente, visto il suo gigantesco impegno nella difesa della salute delle persone.
Purtroppo però nessuno gli ha mai sottoposto un campione scientifico, per cui non si può esporre in una sua personale valutazione. Peccato!
Comunque trovi il link a questo indirizzo: Le scie.
Cosa ne pensi, lettore che capiti di qua?  ;)

knoppizza

  • Guest
Re: Asimov e le scie chimiche
« Reply #4 on: 09 March 2009, 18:46:58 »
Ciao a tutti,
ci siamo visti altrove nel  forum (installazione knoppix su pc virtuale) potendo fornire qualche delucidazione su questo interessante argomento ci provo, con una premessa, nonostante capisca abbastanza di quello che sto scrivendo, non mi sono ovviamente mai occupato di persona del problema...
le sostanze chimiche (mi riferisco all'acqua che lo è) sono catalogate anche per caratteristiche fisiche una di queste caratteristiche si chiama: tensione superficiale...ma che cos'è? La tensione superficiale misura, in qualche modo che non ci interessa approfondire, il modo in cui una sostanza chimica interagisce fisicamente con quanto gli sta intorno (esempio: se verso dell'acqua su un tavolo ovviamente si forma una specie di bolla in cui l'acqua è come fosse racchiusa..perchè l'acqua non si sparge fino all'infinito sul tavolo cioè fino a non vedersi più? Perchè la sua tensione superficiale ha un dato valore che le permette questo comportamento. Analogamente, chi non ha mai visto, magari in televisione, la capacità del mercurio di rimanere nella sua bolla se versato sullo stesso tavolo e la capacità di formare bolle più grosse? Ovviamente il mercurio ha una tensione superficiale maggiore.... Ma che centra tutto questo? Un ultimo breve chiarimento: la tensione superficiale si misura anche tra liquido e liquido e tra liquido e gassoso (caso dell'acqua e l'aria, vapore acqueo) capito cosa centra? Un po' di pazienza e sarà tutto più chiaro...se all'acqua mischio sostanze chimiche, fisicamente, si comporterà diversamente cioè cambierà il valore della sua tensione superficiale ed il comportamento nel mezzo (aria) col quale si trova in contatto...allora potrà aggregarsi e precipitare...tutto questo per dire che la "storia" delle scie HA FONDAMENTO SCIENTIFICO e non è la baggianata di uno scrittore di fantascienza.
Continuiamo l'uso dello ioduro d'argento (noto ormai perchè usato dalla cina in occasione delle olimpiadi per avere bel tempo) è dimostrato lo ioduro d'argento ha un basso prodotto di solubilità ovvero non si scioglie praticamente per niente in acqua è un dato, dubito che lo ioduro semplicemente appesantisca l'acqua per farla cadere molto probabilmente altera il rapporto della tensione superficiale fra aria ed acqua favorendo l'aggregazione delle molecole delle "bolle" di acqua (goccioline) fino a farle ingrossare---> precipitare, dunque anche questa teoria è dimostrata scientificamente...Passiamo ad un'altro aspetto se io butto soli 230g (circa) di ioduro di argento in aria, ho buttato 6,022 x 10^23 cioè 602200000000000000000000 molecole di ioduro d'argento in aria e questo non è bello ma contemporaneamente ho buttato circa 107g di argento (puro) e questo non è un costo sopportabile per un chimico che sappia fare il suo mestiere (dunque probabilmente lo ioduro d'argento è una baggianata...troppi soldi) ma siccome la faccenda è fattibile il chimico trova sempre il modo di salvare capra e cavoli perciò deciderà di usare una sostanza economica che ottiene lo stesso risultato, possibilmente una sostanza della quale l'umanità non sa che farsene (scarti di lavorazioni industriali) ma questa è un opinione personale ...sicuramente nessuno userà lo ioduro di argento (io userei quello di piombo che ha caratteristiche simili e costa meno) ma al peggio non c'è limite non è vero? La domanda da porsi è che cavolo stanno usando in realtà?!! Se lo sapessimo per sapere se ci fa male non occorre sentire degli esperti perchè se rimaniamo nell'ambito di sali e composti stranoti esiste la possibilità di cercarli semplicemente su internet (trovare gli msds overo material safety data sheets che devono accompagnare ogni sostanza chimica e che, SEMPRE SE SONO STATI SVOLTI STUDI, ci dicono tutti i rischi della sostanza rispetto all'uomo, altrimenti ci dicono ad esempio: effetti dell'inalazione: NON ESISTONO RAPPORTI IN MATERIA...o qualcosa del genere.
Firmato: g.g. is the best chemistry man all over the world :P


Offline dario

  • Amministratore
  • Volpe
  • *****
  • Posts: 340
  • Karma: +1/-0
    • Informatizzati.org: Computer, Linux, Windows, VMware
Re: Asimov e le scie chimiche
« Reply #6 on: 31 March 2012, 18:51:47 »
Ciao zerbo, tu li hai visti per intero quei video? Cosa ne pensi? Ho trovato l'ultimo molto criptico, nessuna spiegazione, solo immagini...